Da Sapere

centro di gastroenterologia Lugano
05/08/2019

Garantire una consulenza specialistica e un servizio all’avanguardia per risolvere i disturbi e le patologie del tratto digestivo. È questo l’obiettivo principale del nostro centro di gastroenterologia a Lugano. Grazie a un team di medici con esperienza comprovata nel campo della gastroenterologia, seguiamo ogni anno centinaia di casi di pazienti affetti da nausea, mal di pancia, stitichezza, malattie infiammatorie dell’intestino, diverticoli, celiachia, intolleranze alimentari… Offriamo inoltre supporto mirato per la prevenzione e il follow up dei tumori del tratto gastrointestinale, forti di strumentazioni dedicate alla diagnostica e alla terapia come i macchinari per la gastroscopia, le apparecchiature per l’esame del breath test e tutto ciò che serve per risultati sempre all’altezza.

Rivolgersi a noi significa affidarsi a un centro di gastroenterologia qualificato, in grado di assicurare molteplici servizi avanzati per pazienti di ogni età e con background differenti. Tra i servizi proposti nella sede di Lugano e in quella di Locarno ricordiamo:

  • Ileo-Colonoscopia (Colonscopia)
  • Esofagogastroduodenoscopia (Gastroscopia)
  • Proctoscopia (trattamento emorroidi)
  • Ecografia addominale con ultrasuoni
  • Manometria
  • Endosonografia con ultrasuoni interni
  • Epatologia per trattamento dell’epatite B e C
  • H2-Breath Test

Videocapsula endoscopica

INFORMAZIONI UTILI SU GASTRO CENTRO PLUS DI LUGANO

Gastro Centro Plus, il nostro centro di Gastroenterologia a Lugano, si trova in Via Trevano 38, nell’ambulatorio dove operano la dottoressa Helen Schaufelberger, il dottor Sandro Mossi e il dottor Federico Moriconi. La sede è aperta dal lunedì al venerdì dalle ore 08 alle ore 16 e può essere raggiunta sia in macchina, sia in taxi sia a piedi dalla stazione dei treni di Lugano a soli 1,5 km dal nostro indirizzo (20 minuti circa di cammino). Per chi viene dall’Italia, Milano è a solo 1 ora e 30 di autostrada, mentre località più vicine come Varese e Como distano appena 50 minuti di auto. In zona Lugano non mancano strutture ricettive di qualità per chi dovesse fermarsi una o più notti. Le nostre segretarie sapranno fornire maggiori dettagli per organizzare la visita in giornata o comunque con tempistiche più brevi possibili. Per qualsiasi ulteriore informazione è sufficiente compilare senza impegno il form di contatto o chiamare il numero di telefono +41(0)91 971 15 23. Ti aspettiamo per esaminare insieme le tue esigenze e necessità con la professionalità che ci contraddistingue!

Disturbi gastrointestinali
02/07/2019

Dolore addominale ricorrente, diarrea, bruciore, dispepsia… i disturbi gastrointestinali sono tanti e possono colpire una fascia di popolazione trasversale, dai più giovani ai più anziani. La scienza medica suddivide il gruppo dei disturbi gastrointestinali in due sotto-categoria, a seconda della localizzazione: da una parte i disturbi del tratto gastrointestinale superiore (dolore toracico, dolore addominale cronico e ricorrente, dispepsia, “nodo alla gola”, alitosi, singhiozzo, nausea e vomito, ruminazione) e dall’altra i disturbi del tratto gastrointestinale inferiore (stipsi, diarrea, gas e gonfiore, dolore addominale, dolore rettale o sanguinamento). Le possibili cause di questi disturbi sono molteplici, ma altrettante sono le cure mediche e le terapie a cui è possibile affidarsi.

Per quanto riguarda le cause, al primo posto troviamo senza dubbio la cattiva alimentazione. Una dieta a base di cibi grassi, zuccherati, farine raffinate, poca frutta e verdura può portare all’insorgere di numerose patologie del tratto gastrointestinale, soprattutto nel lungo periodo. Anche lo stile di vita rappresenta un fattore di rischio importante: fumo, alcool e sedentarietà sono cattive abitudini che andrebbero cambiate il prima possibile, senza aspettare che si manifestino sintomi e disagi in età più avanzata. Ereditarietà e familiarità sono ulteriori variabili da tenere presente: avere un parente che ha sofferto di disturbi gastrointestinali aumenta il rischio di riscontrare gli stessi disturbi da parte degli altri soggetti (figli, nipoti, ecc). Più è stretta la parentela, maggiore sarà il rischio.

PREVENZIONE E CURE DEI DISTURBI GASTROINTESTINALI

Prima di parlare di cure dei disturbi gastrointestinali è doveroso ricordare quanto sia importante il tema della prevenzione. Migliorare la propria alimentazione, prendersi cura del proprio corpo, praticare sport e attività in movimento, smettere di bere e fumare: sono tutti ottimi rimedi per evitare che l’intestino, il colon e il retto si ammalino. Prevenzione vuol dire anche sottoporsi per tempo a esami e screening appositi, dalla colonscopia per la prevenzione del cancro al colon-retto alla gastroscopia per il controllo dell’esofago, dello stomaco e del duodeno, dalla proctoscopia per accertare la natura di sintomi atipici del retto e dell’ano all’ecografia addominale per visualizzare e studiare gli organi dell’addome.

La medicina moderna propone una vasta gamma di cure, terapie e trattamenti più o meno invasivi, sia di tipo farmacologico sia di tipo chirurgico. Nel caso ad esempio di polipi, sarà opportuno intervenire in sala operatoria, rimuovendo dall’intestino o dal retto gli adenomi prima di possibili degenerazioni. Per una diagnosi accurata è fondamentale rivolgersi a specialisti qualificati, in grado di valutare il disturbo gastrointestinale, fornire una prima lettura e indirizzare il paziente verso la cura medica più adeguata. Se desideri maggiori informazioni ti invitiamo a prenotare una visita nelle nostre sedi a Lugano e Locarno. Contattaci senza impegno oggi stesso!

tumore colon
07/04/2019

Sono circa 4.000 le persone a cui ogni anno, nella sola Svizzera, viene diagnosticato il tumore al colon (di queste 220 sono in Ticino). Un numero altissimo che corrisponde all’11% dei pazienti – uomini e donne – vittime di un tumore maligno. Screening, diagnosi precoce e trattamento del tumore al colon hanno permesso negli ultimi anni di ridurre l’incidenza di questa patologia nella popolazione tra i 50 e i 70 anni (quella maggiormente colpita), con una conseguente diminuzione significativa del numero di decessi. La strada tuttavia è ancora lunga: proprio sul tema della prevenzione ha parlato alle telecamere dell’emittente Teleticino il Dottor Sandro Mossi, fondatore nel 1997 dello Studio medico di Gastroenterologia “GastroCentro” di Lugano e Locarno.

Insieme al Dottor Andrea Donadini, specialista in chirurgia viscerale, il Dottor Mossi ha sottolineato l’importanza di riconoscere in anticipo la degenerazione dei tessuti e delle cellule, considerando in particolare l’evoluzione dei polipi all’interno dell’organismo. L’intervista si è focalizzata fra le altre cose sui fattori di rischio del tumore al colon: alimentazione, ereditarietà e famigliarità, stile di vita. Soggetti abituati a consumo eccessivo di carni rosse, alimenti a base di farina, dolci e bibite zuccherate, così come soggetti tabagisti, sedentari o con predisposizione genetica, rappresentano il tipico bersaglio del tumore al colon. Il Dottor Mossi ha sottolineato inoltre come anche la fascia di età dei più giovani sia interessata dal carcinoma colon rettale. Ecco l’intervista completa andata in onda su Teleticino il 7 aprile 2019.

VEDI IL VIDEO

COLONSCOPIA: L’ESAME DI PREVENZIONE PER ECCELLENZA

Il capitolo finale dell’intervista si conclude con un approfondimento doveroso sulla prevenzione. Questa può essere effettuata in vari modi, ma l’esame per eccellenza rimane la colonscopia. Il fattore limitante – secondo il Dottor Mossi – è la preparazione, ovvero i trattamenti che precedono l’esame stesso (assunzione di liquidi, digiuno, ecc). In alternativa i pazienti possono sottoporsi al test per la ricerca di sangue occulto nelle feci, che a differenza della colonscopia va eseguito più spesso – ogni due anni a partire dai cinquant’anni – di certo meno invasivo ma anche meno accurato (se ha esito positivo occorre procedere con la colonscopia). Per le persone interessate a una consulenza con il Dottor Mossi e con gli specialisti di Gastro Centro Plus, ricordiamo che è possibile prenotare una visita medica negli ambulatori di Lugano e Locarno.

Problemi di stomaco intervista dott Federico Moriconi
26/03/2019

Per noi di GastroCentro+ la prevenzione è fondamentale. Ecco perché ci piace partecipare a trasmissioni televisive e radiofoniche e divulgare il nostro sapere al pubblico. Così abbiamo fatto di recente in occasione dell’invito alla trasmissione Filo Diretto dell’emittente svizzera RSI. In studio sono stati chiamati il dottor Nello Broggini (internista e medico di famiglia) e lo specialista di GastroCentro+ PD Dr. Med. Federico Moriconi, esperto in medicina interna e gastroenterlogia. L’intervento di entrambi i dottori ruotava intorno a un problema ben preciso: i “problemi di stomaco”. La puntata ha avuto inizio con un breve focus sul reflusso gastroesofageo, dopodiché la parola è passata a Nello Broggini che ha precisato il primo approccio di un medico in caso di mal di stomaco (o male alla pancia).

Lo stesso Nello ha poi parlato dell’importanza della sana alimentazione e di uno stile di vita equilibrato, evitando stress e cattive abitudini. Fatta menzione alla gastroscopia, è intervenuto a questo punto Federico Moriconi, che ha trattato il tema del reflusso gastroesofageo e ha risposto alla domanda di una signora al telefono in collegamento diretto con lo studio. Nei successivi quaranta minuti sono arrivate altre domande da parte di un pubblico trasversale, a riprova di come il mal di stomaco e le molteplici problematiche correlate possano colpire uomini e donne di ogni età. Per chi fosse interessato al tema, riproponiamo qui sotto la puntata completa andata in onda lunedì 11 marzo 2019.

COME AFFRONTARE I PROBLEMI DI STOMACO SENZA RISCHI

Un mal di stomaco saltuario rientra nella norma, altra cosa è invece un mal di stomaco ricorrente, eventualità che va affrontata in tempi rapidi. Sconsigliamo di curarsi da soli con farmaci presi un po’ a caso in farmacia: come spiegato bene da Broggini e Moriconi, un mal di pancia qualunque può nascondere patologie gravi. Trascurarle significa esporsi al rischio di condizionare la propria vita, ritrovandosi costretti a operazioni e interventi chirurgici che forse, agendo in anticipo, potevano essere evitati. Consigliamo di leggere in proposito la nostra pagina servizi con i vari approfondimenti e all’occorrenza contattarci senza impegno per una prima consulenza telefonica. Scopri numero di telefono, email e indirizzo delle nostre sedi di Lugano e Locarno!

Screening del tumore colorettale
25/03/2019

Lo screening del tumore colorettale rappresenta, insieme al test per la ricerca di sangue occulto nelle feci, uno dei due esami principali per la prevenzione del cancro al colon-retto nell’uomo e nella donna. Nel caso della Svizzera, si tratta di un esame coperto dalla cassa malati, e non a caso viene proposto di frequente nel contesto di campagne cosiddette di depistaggio. Si parla a tal proposito di colonscopia di depistaggio, a indicare come una simile analisi possa anticipare la degenerazione dei polipi intestinali e ridurre quindi al minimo il rischio di sviluppo del carcinoma rettale. Ma come funzionano in concreto le metodiche di screening della colonscopia e della ricerca di sangue occulto nelle feci? E cosa aspettarsi di preciso da questi esami?

LO SCREENING TRAMITE ANALISI DEL SANGUE OCCULTO NELLE FECI

Lo screening tramite analisi del sangue occulto delle feci prevede, come suggerisce il nome, la ricerca di sangue nascosto nelle feci. Perché proprio il sangue? Perché tracce di sangue sono un indizio significativo della possibile presenza di tumore e, prima ancora, di adenomi sulle pareti dell’intestino e del retto in particolare. In questo caso lo screening è senza dubbio meno invasivo della colonscopia, ma anche molto meno determinante rispetto alle reali cause della perdita di sangue. Per questo è importante effettuare l’esame ogni due anni a partire dai cinquant’anni, tenendo presente che, se l’esito dello screening è positivo, bisognerà effettuare di prassi l’esame di colonscopia e accertarsi dell’effettiva presenza di polipi o carcinomi.

LO SCREENING TRAMITE COLONSCOPIA

L’alternativa migliore per lo screening del tumore colorettale è la colonscopia, esame attraverso il quale vengono ispezionate le pareti interne dell’intestino e del retto tramite apposito sondino (tubicino flessibile dotato di telecamera), alla ricerca di escrescenze più o meno voluminose (i famigerati polipi). Per la colonscopia l’intervallo è una volta ogni otto – dieci anni, in caso di esame dall’esito negativo. Per una corretta diagnosi è necessario che il paziente segua una preparazione finalizzata alla completa pulizia dell’intestino. Questa preparazione prevede, nei tre giorni precedenti, una specifica dieta priva di frutta, verdura, legumi e cibi ad alto contenuto di scorie, mentre nel giorno dell’esame è richiesto il digiuno totale. Vanno assunti inoltre liquidi in grande quantità, come acqua, camomilla, brodo e tè. La colonscopia viene eseguita di norma in ambulatorio, dal medico gastroenterologo, figura specializzata in malattie dell’apparato digerente.

Il nostro centro è all’avanguardia nella prevenzione del tumore colorettale e offre sicurezze e standard di qualità superiori sotto molteplici punti di vista. Rivolgersi a noi significa contare su:

  • Igiene: diamo la massima importanza alla disinfezione dei endoscopi. Ogni sala d’endoscopia è equipaggiata con macchinari appositi per la pulizia, completamente automatizzati. Ogni passo del processo di disinfezione è inoltre tracciabile.
  • Sicurezza: la riduzione del rischio di infezioni nosocomiali è una conseguenza naturale della localizzazione dei nostri ambulatori a Lugano e Locarno, luoghi strettamente extraospedaliera.
  • Comodità: la presa in carico del paziente avviene previo colloquio informativo da parte del medico competente, una procedura personalizzata volta a ridurre le tempistiche e garantire un contatto diretto con il dottore curante.
  • Competenza: il nostro centro vanta stretti rapporti con strutture d’eccellenza sparse sul territorio nazionali e internazionali.
  • Comfort: la sedazione, nel nostro caso, è inclusa nel prezzo e viene effettuata con propofolo (farmaco anestetico a breve durata d’azione somministrato per via endovenosa).

Contattaci via telefono o email e prenota il tuo screening!